Sanitaria del cane
Sommario:

Alimentazione ideale del cane

Il pasto ideale del cane dovrebbe consistere in una scodella di riso molto cotto (ma non ridotto in colla), con verdure varie quali cipolle, carote, insalata ecc. e con l'aggiunta di carne cruda o poco cotta, tagliata in pezzi o macinata.
Il riso può talvolta essere sostituito dalla pasta. La carne, ricca di principi proteici, rimane sempre l'alimento base del cane e va somministrata in quantità di 20-30g al giorno di carne bovina per ogni chilogrammo di peso; oltre naturalmente al riso ed alle verdure.
Per variare il vitto occorre dare al cane anche del formaggio, alimento ricco di proteine, di grassi e di sali di calcio.
Tra le verdure vanno sempre esclusi i farinacei, mentre la frutta ideale è la mela che si rivela utile anche nella pulizia dei denti. Pure il rosso d'uovo, assieme alla minestra e alla carne, è un ottimo alimento da concedere però una sola volta alla settimana.
Il cane, dai due ai dodici mesi di età, deve fare due pasti al giorno, mentre dopo l'anno di età può fare un solo pasto al dì. Il cibo deve essere dato tiepido o a temperatura ambiente; mai troppo freddo.
In alternativa a questo regime alimentare consigliamo un mangime secco a formato crocchette (esistono in commercio ottimi prodotti già completi).
Ricordate che al cane non bisogna assolutamente dare: latte, biscotti, dolci, cioccolato e dolciumi d'ogni genere; questi prodotti infatti, in breve tempo, comporterebbero gravi conseguenze sul piccolo animale e sono pertanto da evitarsi nel modo più assoluto.

La pulizia del cucciolo

Dopo l'acquisto di un cucciolo, per i padroni inizia un periodo assai difficile nel corso del quale cercheranno disperatamente la ricetta miracolosa che permetta loro di salvaguardare tappeti e pavimenti; in realtà i metodi per insegnare al cane a non sporcare sono semplici e l'apprendimento delle regole di pulizia può avvenire molto in fretta se si rispettano certe norme e se si dispone di un pò di tempo per l'insegnamento al cucciolo.
Innanzitutto è necessario sapere che il cucciolo fa il propri bisogni nella mezz'ora che segue la fine del pasto ed il suo sonno, sarà dunque sufficiente individuare questi periodi per portarlo, al momento opportuno, sulla carta di giornale che gli è stata riservata ed obbligarlo a restarvi finché non abbia fatto tutto ciò che deve. Una volta terminati i suoi bisogni non bisognerà dimenticare di accarezzarlo e di lodarlo. Con un pò di pazienza ed in poco tempo il cucciolo capirà dove il padrone vuole faccia i bisogni; ciò nonostante non si possono evitare completamente gli errori ed il cane rischia di far pipì, una volta o l'altra, nei luoghi che gli sono vietati: si dovrà in questo caso punirlo ma vi diamo le regole che permettono di punirlo in maniera efficace e corretta.
Il rimprovero deve essere immediato perchè se fatto due ore dopo l'accaduto non serve assolutamente a nulla se non ad agitare l'animale che non capirà la ragione. Un "NO!" detto con tono secco e deciso, a voce alta, sarà sufficiente per mettere in attenzione il cane; ricordate che la parola dovrà essere sempre la stessa quando si cercherà di vietargli qualcosa.
Mettere il muso del cucciolo nei suoi bisogni non è una punizione perchè ciò che l'uomo trova ripugnante non lo è necessariamente per il cane.

La dentatura

In particolare, nelle razze nane, il problema della dentatura esiste attorno ai 6-7 mesi di età quando, a causa della persistenza dei denti da latte, viene ostacolata la crescita dei denti definitivi. Si consiglia, qualora si presentasse il problema, di rivolgersi al proprio veterinario di fiducia.

La toelettatura

La toelettatura degli Spitz, nonostante il loro lungo e folto mantello, non è affatto impegnativa. E' sufficiente una spazzolata due volte alla settimana. Il lavaggio del cane si può fare anche solo due volte all'anno; a piacere può essere lavato una volta ogni due mesi ma diventa indispensabile usare un prodotto adatto.
NOTA: E' importante eseguire una perfetta asciugatura del cane dopo il lavaggio.